Francesca Fini_Sofa Chats #2

Francesca Fini, white sugar

Ed eccoci qui, finalmente pronti per presentarvi Francesca Fini, prima artista selezionata da Collaab per il secondo appuntamento nell’ambito della rassegna “SOFA  CHATS videoarte da salotto”, che si terrà mercoledì 26 febbraio alle 18 nello spazio espositivo DoubleRoom di Trieste.
In questa occasione vi proporremo, oltre alla proiezione dei lavori video “White noise” e “White sugar”, anche un’esclusiva intervista all’artista, realizzata per l’occasione.
Francesca Fini è un’artista interdisciplinare che spazia dalla performance alla videoarte, con progetti che affrontano sempre questioni sociali e politiche, come si può constatare anche nei due video che vi proponiamo, che prendono in esame il ruolo della donna nella società americana degli anni ’50 e ‘60.
L’autrice, forte di una profonda formazione come artista digitale, ha lavorato per 15 anni nel settore della creazione, della produzione e della post-produzione televisiva, approdando alla videoarte con opere video date alla luce assemblando frammenti di performance e manipolando immagini in movimento.

Francesca Fini, con un importante e nutrito curriculum internazionale alle spalle, definisce così il suo percorso artistico: “Io sono fondamentalmente una performer. L’azione di un corpo, di solito il mio, nello spazio e nel tempo è essenziale nel mio lavoro. I miei video e i miei lavori tangibili sono i capitoli di una storia infinita, di cui io sono la protagonista. A volte mi capita di incontrare qualcuno con cui condividere il cammino e a volte sono tutta sola, ma nel corso di questo viaggio lascio le  mie opere in  modo tale che diventino i capisaldi di questa grande avventura. Credo che tutta l’arte dovrebbe essere un Gesamtkunstwerk, un’opera d’arte totale. In mio corpo, la nave su cui faccio questa lunga esplorazione, è sempre stato un campo di battaglia. Ex anoressica, eterna femminista, ancora e sempre un lupo solitario in cerca della luna fra i rami degli alberi”.

Francesca, oltre che per il suo lavoro denso di significato, ricercatezza e maniacale precisione, ci ha colpiti anche per la sua totale disponibilità e cortesia, e per il suo spirito di “condivisione dell’arte” come testimone per un’esperienza individuale e collettiva.
Sperando di vedervi numerosi all’appuntamento di mercoledì, vi invitiamo a curiosare un po’ nel sito dell’artista!

http://www.francescafini.com/

 

 

 

 

 

Share Button