Candy Girl_Review

Candy Girl

Salve cari Collaab addicted, questo giovedì il nostro team ha avuto il piacere di gustare dal vivo la performance di Nina Alexopoulou, giovane artista di origine greca ma di adozione triestina da ormai due anni.
Il suo background artistico si sviluppa nella scena londinese a partire dal corso di Dance Performance alla Roehampton University per poi passare ad un master in Dance Theatre al Trinity Laban.
Dopo essere stati presi in ostaggio all’interno della galleria DoubleRoom, le poche regole da seguire prevedevano l’uso esclusivo della bocca per mangiare ogni cosa, il tutto servito sul corpo dell’artista completamente nuda, e il divieto di abbandonare la performance finchè il cibo non fosse finito. Nina nella sua ricerca del limite tra piacere e disgusto, ha scelto cibo dal sapore esclusivamente dolce come caramelle, biscotti e qualche cupcake in posizioni intime per i partecipanti più audaci.
La sua esibizione, carica di significato e di spessore, mette in atto un profondo ragionamento sul tema del consumo e abuso del corpo della donna. A partire dalla maternità quando il bambino si nutre attraverso il corpo della madre fino all’età adulta in cui si continua ad abusare della figura stessa.
Anche a voi Nina ha fatto venire l’acquolina in bocca?

Foto di Giulia Livia.

Share Button

Lascia una risposta