PHOTO_DAVID UZOCHUKWU

lab1

Col weekend alle porte è tempo di una nuova puntata fotografica firmata Collaab. Il protagonista di oggi si chiama David Uzochukwu. Diciott’anni compiuti a dicembre, autodidatta, si sta affermando come uno dei più importanti fotografi della sua generazione. La sua prima mostra risale al 2014. Oggi vive e “scatta” a Bruxelles.

È da quando aveva tredici anni che David realizza degli autoritratti e ancora oggi non ha perso quest’abitudine. È lui infatti, il principale protagonista dei suoi lavori. Mezzobusto, di spalle, disteso, nudo o vestito: le sue pose all’interno della fotografia sono sempre differenti. Gli scenari invece cambiano. Un prato, una strada immersa nella nebbia, un surreale paesaggio tra le nuvole.

Quello che emerge dai suoi lavori è una forte componente drammatica e un’attenzione particolare alla figura umana. Il soggetto sembra sofferente, piegato su stessa per proteggersi da un’inquietudine che non si capisce se provenga dall’interno o dal mondo circostante. «C’è così tanta bellezza nell’esperienza umana – spiega David – e credo che siamo molto lontani dall’aver esplorato tutte le sue sfaccettature. Questo è quello che voglio rappresentare».

www.daviduzochukwu.com

 

Share Button

Lascia una risposta