CuriosArte – Pittura – La devastazione dell’Alzheimer di William Utermohlen

William Utermohlen

Oggi vi racconto una storia triste che coinvolge un artista, William Utermohlen, scomparso nel 2007, a cui, all’età di 51 anni fu diagnosticata la malattia dell’Alzheimer. Chi ha avuto la sfortuna di avere una persona vicina affetta da tale malattia, sa quanto questa sia devastante e porti gli individui ad allontanarsi dalla realtà. In particolare essa colpisce il lobo parietale destro, che è fondamentale per visualizzare qualcosa e riprodurla su tela. Di conseguenza l’arte diventa più astratta, le immagini più sfocate e vaghe. William Utermohlen ha voluto documentare la sua malattia e, in un lasso di tempo di 5 anni, ha realizzato degli autoritratti. Nelle immagini che seguono potete vedere come la malattia abbia portato a una trasformazione della pittura dell’artista. I contorni son sempre meno definiti e le capacità artistiche di William si dissolvono tristemente, proprio come la sua psiche malata.
La moglie, professoressa di storia dell’arte, così descrive il lavoro del marito:

Il senso dello spazio gli sfuggiva sempre di più, penso se ne rendesse conto. Nei quadri si vede lo sforzo di William di spiegare il suo io che cambiava, le sue paure e la sua tristezza.

Ed è proprio con immensa tristezza che vi lascio alla galleria che segue.

Barbara Picci
@brababella

LINK UTILI:
Website

Via boredpanda.com

Share Button

Lascia una risposta